I biscotti di Natale

Ovvero, come farsi male prima di Natale, finendo per cucinare biscotti la sera del 23 dopo una giornata di lavoro, fino a ritrovarsi a lavare stoviglie alle 4 di notte πŸ˜‰  

La colpa in verità è decisamente mia: volevo regalare dei biscotti per natale, ma di più tipi diversi, e alla fine ho optato per 4 tipi, 3 tipi mai provati…..poi ho visto che a casa c'erano le noci, e alla fine da 4 siamo passati a 5 (di cui uno non sono riuscita alla fine a farlo, giace il panetto di pasta frolla nel congelatore), 30 biscotti c.a. per tipo, 60 biscotti c.a. per due tipi, vassoi pieni e una casa che profumava come non mai.

E meno male che mi è passata l'idea di regalarne anche al lavoro, o le dosi raddoppiavano di tutto, e mi avreste ritrovata morta con il mattarello in mano, stesa sopra la pasta dei biscotti.

Invece mi sono divertita e tutti hanno apprezzato πŸ˜€

Ecco i biscotti che ho realizzato:

_Cuori di Noci_

 

  Questi biscotti sono OTTIMI e  il ripieno all'interno è buonissimo! Risultano nel complesso molto dolci, ma sono tra i primi ad essere spariti dal vassoio dei biscotti.. πŸ˜‰ un motivo ci sarà, no?

 

 

Ingredienti per la pasta:

  •  50 gr di gherigli di noce
  • 150 gr di zucchero
  • 170 gr di burro
  • 1 pizzico di sale
  • 1 uovo
  • 280 gr di farina
  • 60 gr di cioccolato fondente grattugiato (io l'ho grattugiato molto fino, la ricetta originale invece credo prevedesse in modo grossolano)

Per il ripieno:

  • 250 gr di cioccolato fondente
  • 50 gr di zucchero
  • 150 gr di panna liquida

Ho lasciato ammorbidire il burro, e tritato le noci (la ricetta diceva bene, io ho preferito non tritarle troppo). Con la frusta elettrica ho amalgamato il burro, il sale e lo zucchero fino ad ottenere un composto cremoso, poi ho aggiunto l'uovo e mescolato. Aggiunto la farina, il cioccolato e le noci e mescolato fino ad ottenere un impasto omogeneo.

Una volta ottenuto un panetto, l'ho avvolto nella pellicola e messo in frigo per 4 ore (la ricetta indica ALMENO 4 ORE, MEGLIO TUTTA LA NOTTE). L'ho tolto poi dal frigo e steso sulla spianatoia, ricavando delle formine spesse c.a. 3 mm. 

Ho distribuito le formine su una teglia rivestita di carta da forno, e infornato a 130° c.a. per 20 minuti (o finchè saranno cotti, rimango  fregata dagli impasti dal colore scuro, per cui controllo spesso durante la cottura che non si cuociano troppo)..

Una volta pronti, li ho tolti dal forno, lasciati raffreddare e nel frattempo ho preparato il ripieno:

Ho tagliato il cioccolato a pezzetti. In un pentolino ho sciolto lo zucchero fino a farlo caramellare, aggiunto poi la panna (attenzione agli schizzi e vi consiglio di non versarla fredda di frigo) , e lasciato sciogliere il tutto. Una volta sciolto, ho aggiunto il composto caldo al cioccolato a pezzetti, e continuato a mescolare fin quando non è risultato spalmabile.

Poi ho preso i biscotti, spalmato un pò del composto all'interno e li ho uniti a due a due.

Mi son dimenticata di fotografare l'interno del biscotto, ma riporto la foto del sito di Alex da cui li ho presi , perchè è stupenda e rende davvero la bontà del ripieno!!

 

 Croccantini alle nocciole

  Veramente ottimi. Questi biscotti/croccantini sono stati i primi a sparire, e dire che ho sbagliato perfino la ricetta!

Che mi sono dimenticata di fotografare questa squisitezza, benchè ne abbia fatti una trentina, mi sembra ovvio. Ho ritagliato l'unica foto in cui compaiono, e non essendo di qualità, non posso neanche ingrandirla.. :''(

Ingredienti:

  • 200 g di nocciole tostate

     

     

  • 200 g di zucchero superfino

     

     

  • 80 g di albume

     

     

  • 1 cucchiaino di cacao

     

     

  • bacca di vaniglia o aroma

     

     

Ho tritato le nocciole grossolanamente, mescolandoci il cacao e 100 gr di zucchero.
A questo punto andavano montati a neve gli albumi aggiungendo mano a mano lo zucchero e la vaniglia, e appena la massa sarebbe stata ben gonfia, avrei dovuto aggiungere le nocciole facendo attenzione a non agonfiare la massa.
Invece, ho montato gli albumi PRIMA di metterci lo zucchero πŸ˜‰ e quando poi sono andata ad aggiungerlo, la massa si è  ovviamente sgonfiata. Ho poi aggiunto il composto alle nocciole.
Ho messo il composto ottenuto in un pentolino, a fuoco moderato, mescolando con una spatola. Mano a mano che si scalda, il composto da denso diventa liquido, poi appiccicoso. Non scaldare più di 5-6 minuti o, come indicato nella ricetta originale, sarà difficile modellare i croccantini.
Poi con un cucchiaio li ho distribuiti sulla teglia rivestita da carta da forno, ed ho infornato a 110-120° finchè i croccantini non sono risultati lucidi e leggermente dorati.
 
Ho ottenuto dei biscotti che ricordano un pò la consistenza del torrone, a detta degli assaggiatori, davvero squisiti. Da riprovare la ricetta tentando di azzeccarla, questa volta!!
 
 
  
 
 
Questi biscotti sono un pò burrosi ma buoni.
La glassa è ottima πŸ˜‰
 
 
 
 
 Ingredienti:
250 g di farina 00
1 cucchiaino di lievito per dolci (io ne ho messi due)
1 pizzico di sale
1 cucchiaino di zenzero in polvere (io ne ho messi due)
40 g di zucchero a velo
30 g di zenzero candito (facoltativo, io non lo ho messo)
200 g di burro fuso
1 stecca di vaniglia (io ho messo l'aroma)
125 g di zucchero a velo (meglio  aumentare di qualche gr forse, la mia è venuta leggermente liquida)
3 cucchiai di succo di limone
 
Ho setacciato farina, lievito, zucchero a velo, zenzero in polvere e il pizzico di sale. Se lo aggiungete, tritate lo zucchero candito e aggiungete. Ho poi unito il burro ormai freddo, e l'aroma di vaniglia e ho mescolato. Ho ottenuto così un impasto un pò consistente da poter lavorare con le mani. Nel frattempo ho acceso il forno a 175°, per circa 10 minuti..
Ho quindi formato delle palline  e le ho disposte su una placca rivestita da carta da forno, le ho appiattite leggermente (la ricetta originale consigliava di usare una forchetta) ed ho infornato dopo aver abbassato il forno a 150°.
Ho lasciato cuocere finchè non sono diventati dorati, li ho poi tolti e lasciati raffreddare, mentre preparavo la glassa.
Ho mescolato lo zucchero a velo setacciato con il succo di limone e mescolato con una spatola fino a quando non ho ottenuto un composto liscio e senza grumi.
Ho poi decorato i miei biscotti (in fretta, e dal risultato si vede) con la siringa da pasticcere.
 
 
 
I biscotti fatti in precedenza erano soprattutto per gli altri mentre questi, questi sono per ME.
Non amo i dolci, questi biscotti sono una delle rare eccezioni. Mi piacciono  soprattutto quelli delle pasticcerie, che risultano più leggeri e ne mangerei a bizzeffe e questa ricetta è quella che, finora, ho trovato somigliargli di più.
 
Ingredienti:
200 gr farina
50 gr zucchero
75 gr burro
mezza bustina di lievito
1 uovo
150 gr di cioccolato fondente (io abbondo sempre, faccio 200 gr, per evitare di ritrovarmi con più biscotti e meno cioccolata, preferisco scaldare a bagnomaria due volte piuttosto πŸ˜‰ )
4 cucchiai di acqua o latte
 
In una spianatoia ho messo la farina setacciata con il lievito a fontana, ho poi messo lo zucchero e al centro l'uovo sbattuto. Ho aggiunto poi a pezzi il burro freddo di frigo e ho lavorato il tutto. Questo impasto va lavorato velocemente facendo attenzione a non scaldarlo troppo, per questo c'è chi preferisce usare un robot da cucina, a me invece piace farlo a mano.. πŸ˜‰
Una volta ottenuto un impasto liscio e omogeneo l'ho avvolto nella pellicola e riposto in frigo per 1 ora c.a.
Passato questo tempo ho ripreso il panetto e l'ho steso sulla spianatoia, ricavandoci delle formine che ho poi spostato sulla teglia rivestita da carta da forno. Ho poi infornato (dopo aver riscaldato il forno a 170° per 10 minuti c.a.) a 150° finchè non si sono leggermente dorati, li ho tolti dal forno e lasciati raffreddare bene.
Nel frattempo ho preso la cioccolata, l'ho tagliata a pezzetti e messa in un pentolino a bagnomaria con il latte (o l'acqua, a vostra scelta), e non appena sciolta completamente, ho cominciato ad intingerci per metà i biscotti ormai freddi, adagiandoli poi su un ripiano (io ho usato una tovaglietta di plastica, ma va bene anche della carta da forno).
E poi l'ho mangiati.
tutti.
un pò per volta.
buonissimi.
….
..
devo rifarli.
 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarΓ  pubblicato.